StartseiteGruppenForumStöbernZeitgeist
Web-Site durchsuchen
Diese Seite verwendet Cookies für unsere Dienste, zur Verbesserung unserer Leistungen, für Analytik und (falls Sie nicht eingeloggt sind) für Werbung. Indem Sie LibraryThing nutzen, erklären Sie dass Sie unsere Nutzungsbedingungen und Datenschutzrichtlinie gelesen und verstanden haben. Die Nutzung unserer Webseite und Dienste unterliegt diesen Richtlinien und Geschäftsbedingungen.
Hide this

Ergebnisse von Google Books

Auf ein Miniaturbild klicken, um zu Google Books zu gelangen.

Lädt ...

The Principles of Psychology (1890)

von William James

MitgliederRezensionenBeliebtheitDurchschnittliche BewertungDiskussionen
625229,501 (3.96)2
The publication in 1890 of William James's acknowledged masterpiece marked a turning point in the development of psychology as a science in America. The Principles of Psychology also became a source of inspiration in philosophy, literature, and the arts. When John Dewey reviewed it, he predicted that it would rank "as a permanent classic, like Locke's Essay and Hume's Treatise." Its stature undiminished after 91 years, The Principles of Psychology appears now in a new, handsome edition with an authoritative text that corrects the hundreds of errors, some very serious, that have been perpetuated over the years. Prepared according to the modern standards of textual scholarship, this edition incorporates all of the changes James made in the eight printings he supervised, as well as the revisions and new material he added to his own annotated copy. In addition, all footnotes, references, quotations, and translations have been thoroughly checked. The complete text of the Principles, with footnotes, drawings, and James's own index, appears in Volumes I and II. Volume III includes extensive notes, appendixes, textual apparatus, and a general index.… (mehr)
Lädt ...

Melde dich bei LibraryThing an um herauszufinden, ob du dieses Buch mögen würdest.

Le due sorelle: la psicologia e la narrativa.
La psicologia e la narrativa sono sorelle nel campo della comunicazione umana così come furono fratelli William ed Henry James. Il primo è considerato uno dei padri della moderna psicologia, il secondo uno dei maestri del romanzo moderno. Dei due si è detto che William, lo psicologo, era un romanziere che scriveva di psicologia, Henry, il romanziere, uno psicologo che scriveva romanzi. Questo per dire che per scrivere romanzi bisogna conoscere bene i principi della psicologia umana.

In questo post intendo parlare di un libro che William James scrisse sui “Principi di Psicologia” impiegandoci oltre 12 anni. Due volumi di scrittura fiume, riassunti per fortuna in una versione abbreviata che ho avuto modo di leggere> anche se in maniera non accademica. William James è considerato uno dei massimi filosofi americani, padre della moderna psicologia. Prima che questa assurgesse a scienza era studiata all’interno dell’area specifica alla filosofia. Era considerata la scienza della vita mentale, vale a dire della mente dentro un particolare corpo esistente nel tempo e nello spazio, con i propri pensieri, sensazioni e relazioni col mondo circostante. I pensieri provenienti dal “profondo” erano oggetto di studio della metafisica e della filosofia. James considerò questa nuova scienza come “naturale” nel senso che richiedeva lo studio dei sentimenti, sensazioni, cognizioni, ragionamento e decisioni secondo determinate dinamiche e aspetti, così come si può studiare la costruzione di una casa osservando i mattoni e le pietre. Egli decise di analizzare i fenomeni della psicologia piuttosto che teorizzarli facendola così diventare una scienza.

Egli disse che se si osservano bene gli esseri umani si scopre che da un punto di vista esteriore essi non sono altro che un bandolo di abitudini. Queste si scaricano nei centri nervosi determinando dei percorsi che poi vengono sensibilizzati. Una volta che questi percorsi si sono creati è possibile farci passare le scariche nervose. Mentre le abitudini degli animali sono automatiche, quelle degli esseri umani sono consapevoli nel senso che interagiscono con l’uomo. Di qui la necessità di conoscere bene il sistema nervoso e farselo amico. Tutta la sua comprensione della psicologia James la poggiava sull’io che è presente in ognuno di noi ed è separato dagli altri da un muro, una parete, il cranio che contiene il cervello. Il mondo è così diviso a metà, ognuno di noi ne occupa una parte, l’altra, il resto del mondo, sono gli altri. Ma la psicologia vuole anche dare risposte alla gente sui perché noi pensiamo in un determinato modo.

Il confronto tra noi e gli altri ci porta a vedere la realtà in maniera diversa ed anche contrastante. Del resto noi stessi non siamo mai sempre uguali, la nostra coscienza è mutevole, soggetta a cambiamenti interni ed esterni. Gli uomini non possono avere mai gli stessi pensieri anche se viviamo nell’illusione che tutto sia sempre lo stesso. Lo stesso pensiero, come abbiamo visto, non è mai lo stesso perché è come un fiume, un treno che scorre, una catena che si dipana mentre si realizza e si manifesta. Compito della psicologia non è quello di spiegare come questo accade, bensì far comprendere la sua essenza che è legata all’esistenza, al vivere che è, appunto, un continuo divenire. Come può realizzarsi l’io di tutti e di ognuno in un contesto del genere? James escogitò una semplice formula: l’autostima di ogni essere umano va divisa tra l’aspirazione al successo e la valutazione delle pretese.

Se le “cose” della psicologia stanno così e se non c’è dubbio che gran parte della gente che diventa un personaggio all’interno di un romanzo, un racconto, insomma in quella che comunemente chiamiamo “narrativa”, William e Henry hanno condiviso le due parti del mondo e della loro testa che contrappone ogni essere umano. Henry James costruiva persone e personaggi per i suoi romanzi, tracciando figure indimenticabili, William James cercava di conoscerne i segreti meccanismi, tutto in nome delle due sorelle che essi avevano in comune: la narrativa e la psicologia.

https://goo.gl/V1Ee4L ( )
1 abstimmen AntonioGallo | Nov 2, 2017 |
It's the first modern form of truly scientific psychological analysis. He also builds from a knowledge of philosophy and later in his life focused very much on that. ( )
2 abstimmen jpsnow |
keine Rezensionen | Rezension hinzufügen
Du musst dich einloggen, um "Wissenswertes" zu bearbeiten.
Weitere Hilfe gibt es auf der "Wissenswertes"-Hilfe-Seite.
Gebräuchlichster Titel
Die Informationen stammen von der englischen "Wissenswertes"-Seite. Ändern, um den Eintrag der eigenen Sprache anzupassen.
Originaltitel
Alternative Titel
Ursprüngliches Erscheinungsdatum
Figuren/Charaktere
Wichtige Schauplätze
Wichtige Ereignisse
Zugehörige Filme
Preise und Auszeichnungen
Die Informationen stammen von der englischen "Wissenswertes"-Seite. Ändern, um den Eintrag der eigenen Sprache anzupassen.
Epigraph (Motto/Zitat)
Widmung
Erste Worte
Die Informationen stammen von der englischen "Wissenswertes"-Seite. Ändern, um den Eintrag der eigenen Sprache anzupassen.
Psychology is the science of mental life, both of its phenomena and of their conditions.
Zitate
Letzte Worte
Die Informationen stammen von der englischen "Wissenswertes"-Seite. Ändern, um den Eintrag der eigenen Sprache anzupassen.
(Zum Anzeigen anklicken. Warnung: Enthält möglicherweise Spoiler.)
Hinweis zur Identitätsklärung
Verlagslektoren
Werbezitate von
Originalsprache
Die Informationen stammen von der englischen "Wissenswertes"-Seite. Ändern, um den Eintrag der eigenen Sprache anzupassen.
Anerkannter DDC/MDS
Anerkannter LCC

Literaturhinweise zu diesem Werk aus externen Quellen.

Wikipedia auf Englisch (2)

The publication in 1890 of William James's acknowledged masterpiece marked a turning point in the development of psychology as a science in America. The Principles of Psychology also became a source of inspiration in philosophy, literature, and the arts. When John Dewey reviewed it, he predicted that it would rank "as a permanent classic, like Locke's Essay and Hume's Treatise." Its stature undiminished after 91 years, The Principles of Psychology appears now in a new, handsome edition with an authoritative text that corrects the hundreds of errors, some very serious, that have been perpetuated over the years. Prepared according to the modern standards of textual scholarship, this edition incorporates all of the changes James made in the eight printings he supervised, as well as the revisions and new material he added to his own annotated copy. In addition, all footnotes, references, quotations, and translations have been thoroughly checked. The complete text of the Principles, with footnotes, drawings, and James's own index, appears in Volumes I and II. Volume III includes extensive notes, appendixes, textual apparatus, and a general index.

Keine Bibliotheksbeschreibungen gefunden.

Buchbeschreibung
Zusammenfassung in Haiku-Form

Beliebte Umschlagbilder

Gespeicherte Links

Bewertung

Durchschnitt: (3.96)
0.5
1 2
1.5
2
2.5
3 4
3.5
4 7
4.5 2
5 8

Bist das du?

Werde ein LibraryThing-Autor.

 

Über uns | Kontakt/Impressum | LibraryThing.com | Datenschutz/Nutzungsbedingungen | Hilfe/FAQs | Blog | LT-Shop | APIs | TinyCat | Nachlassbibliotheken | Vorab-Rezensenten | Wissenswertes | 166,314,508 Bücher! | Menüleiste: Immer sichtbar